Saturday, September 20, 2014

Uganda distribuisce profilattici gratis ma i cittadini protestano: sono troppo piccoli

Uganda distribuisce profilattici gratis ma i cittadini protestano: sono troppo piccoli

di Federico Tagliacozzo
E' la dimensione che conta, almeno quando si tratta di preservativi in ​​Uganda. In lotta contro la diffusione dell'Hiv, il governo del paese africano ha provveduto a far distribuire gratuitamente profilattici presso la popolazione. Molti uomini hanno però protestato perché le dimensioni dei profilattici sono troppo piccole e hanno invitato le autorità a fornirne di più grandi.

«Alcuni giovani si sono lamentati perché i preservativi sono troppo corti e il loro organo ha difficoltà ad indossarlo», ha dichiarato il deputato Merard Bitekyerezo alla Ntv Ugand News. Tom Aza, un altro politico locale, ha dichiarato alla stazione televisiva che «spesso il profilattico scoppia durante il rapporto a causa delle dimensioni troppo ridotte. Uomini che hanno organi sessuali più grandi hanno il diritto ad avere condom più grandi».

L'Uganda è un paese dove l'Hiv è stato contratto dal 7% della popolazione pari a circa 1,4 milioni di persone. Di questi, 200mila sono bambini. Più di 60mila ugandesi muoiono di Aids ogni anno.

Wednesday, September 17, 2014


Obama To Send 3,000 Military Forces To Fight Ebola In West Africa

Posted: Updated: 
WASHINGTON (AP) — President Barack Obama declared Tuesday that the Ebola epidemic in West Africa could threaten security around the world, and he ordered 3,000 U.S. military personnel to the region in emergency aid muscle for a crisis spiraling out of control.

The question was whether the aid would be enough and was coming in time. An ominous World Health Organization forecast said that with so many people now spreading the virus, the number of Ebola cases could start doubling every three weeks.
"If the outbreak is not stopped now, we could be looking at hundreds of thousands of people affected, with profound economic, political and security implications for all of us," Obama said Tuesday after briefings in Atlanta with doctors and officials from the Centers for Disease Control and Prevention and Emory University.
Obama called on other countries to join in quickly supplying more health workers, equipment and money. By day's end the administration asked Congress to shift another $500 million in Pentagon money to the effort, meaning the U.S. could end up devoting $1 billion to contain the outbreak.
"It's a potential threat to global security if these countries break down," Obama said, speaking of the hardest-hit nations of Liberia, Sierra Leone and Guinea. At least 2,400 people have died, with Liberia bearing the brunt. Nearly 5,000 people have fallen ill in those countries and Nigeria and Senegal since the disease was first recognized in March. WHO says it anticipates the figure could rise to more than 20,000, and the disease could end up costing nearly $1 billion to contain.
Obama described the task ahead as "daunting" but said there was hope in the fact that "the world knows how to fight this disease."
His expression grim, he described the "gut-wrenching" scene of a family in Liberia. The father had died, the mother was cradling a sick 5-year old, her 10-year-old was dying, too, and the family had reached a treatment center but couldn't get in.
"These men and women and children are just sitting, waiting to die, right now." Obama said. "And it doesn't have to be this way."
The U.S. is promising to deliver 17 hundred-bed treatment centers to Liberia, where contagious patients often sit in the streets, turned away from packed Ebola units. The Pentagon expects to have the first treatment units open within a few weeks, part of the heightened U.S. response that also includes training more local health care workers.
"This massive ramp-up of support from the United States is precisely the kind of transformational change we need to get a grip on the outbreak and begin to turn it around," said WHO Director-General Margaret Chan.
Doctors Without Borders, which has sounded the alarm for months, also welcomed the U.S. effort but said it must be put into action immediately — and that other countries must follow suit because the window to contain the virus is closing.
"The response to Ebola continues to fall dangerously behind, and too many lives are being lost," said Brice de le Vingne, the group's director of operations. "We need more countries to stand up, we need greater concrete action on the ground, and we need it now."
Dr. Kent Brantly, an American physician who survived Ebola he contracted while working in Liberia, met with Obama at the White House Tuesday. He is one of three aid workers with Ebola who have been treated at Emory.
Later, he told a packed Senate hearing, "We must move quickly and immediately to deliver the promises that have been made."
CDC's Dr. Beth Bell told senators the outbreak is "ferocious and spreading exponentially."
"If we do not act now to stop Ebola, we could be dealing with it for years to come," she warned.
The U.S. already has spent more than $100 million fighting the outbreak. Obama administration officials said some of the costs of the new military response would be covered by $500 million in overseas contingency operations, such as the war in Afghanistan, that the Pentagon already has asked Congress to redirect for West Africa and for humanitarian assistance in Iraq. The Obama administration submitted a request to Congress late Tuesday to reprogram another $500 million in defense money for efforts against the disease.
Congress still must vote on an Obama administration request for $88 million more to help the Ebola fight, including funding CDC work in West Africa through December and speeding development of experimental treatments and vaccines.
Sen. Lamar Alexander, R-Tenn., said urgent action was needed. "We must take the dangerous, deadly threat of the Ebola epidemic as seriously as we take ISIS," he said, referring to the extremist group in Syria and Iraq.
But some lawmakers questioned if the heightened U.S. response will be enough.
Sen. Richard Burr, R-N.C., said, "My math says we're going to be behind the eight ball on Day 1 because we won't have enough beds."
An aid worker from Sierra Leone put a face on the region's desperation. Ishmeal Alfred Charles of Freetown told senators that as he prepared to leave home, his 10-year-old daughter asked, "They said there is no Ebola in America. Why can't you take us along?"
The U.N. Security Council will hold an emergency meeting Thursday on the crisis, and the head of the United Nations said the General Assembly will follow up with a high-level meeting next week as the world body "is taking the lead now" on the international fight.
U.N. Secretary-General Ban Ki-moon welcomed Obama's plan, his spokesman said in a statement, and called on the international community "to be as bold and courageous in its response as those who are on the frontlines fighting this disease."
White House press secretary Josh Earnest said the 3,000 troops would not provide direct care to Ebola patients. In addition to delivering the 17 treatment facilities, they will help train as many as 500 local health care workers a week. Among the other initiatives, the military will:
—Set up a headquarters in Monrovia, Liberia, led by Maj. Gen. Darryl Williams, head of U.S. Army Africa.
—Build a regional transportation and staging base in Senegal where the U.S. will help coordinate the contributions of other allies and partners.
—Provide home health care kits to hundreds of thousands of households, designed to help healthy people caring for Ebola-stricken family members. That includes 50,000 that the U.S. Agency for International Development will deliver to Liberia this week.
—Carry out a home- and community-based campaign to train local populations on how to handle exposed patients.
In Monrovia, Boima Folley runs a sport materials shop and said he'd welcome the U.S. military response.
"We have been praying to get the disease wiped out of our country, so if the coming of U.S. troops will help us get that done, we should be happy," he said. "The soldiers don't have to have medical backgrounds."
Jim Kuhnhenn reported from Atlanta. AP writers Lolita Baldor and Jennifer C. Kerr in Washington and Jonathan Paye-Layleh in Monrovia contributed to this report

Tuesday, August 12, 2014

FAITH & NATURE....The discussion ...on EBOLA

What would you say to a friend who wants to bring along an EBOLA suspected patient to ‘AN ADORATION GROUND’ this weekend? — withCharles Okey Chukwubike and 2 others.
  • You, Charles Okey Chukwubike and Foto Thought like this.
  • Gift Precious D house of God is too powerful for such disease, d lord almighty wil nt allow d virsus to spread in church premises, bcus his house is a holy place nt house of sickness
  • Charles Okey Chukwubike Gift Precious...& co ;Premise: WITH GOD NOTHING IS IMPOSSIBLE 
    Thanks for your immediate response; it is typical. However, we have to ask ourselves why Popes, Bishops, High Priests and other ‘men of God’ die even on their temples and alters
     (of God) ,some due to diseases, sickness old age etc? Did God desert his house for a moment? Are our houses not houses of God? 
    There is a great relationship between FAITH and NATURE and both respect each other.
    I give you an example that might open a way to answering the question asked ;
    When there was the international outbreak of MAD COW disease years ago many Bishops in Europe gave orders that HOLY COMMUNION the body and Blood of our Lord Jesus Christ should not be dispensed directly to the (mouth) tongues. The church did not criticize that rather it is norm in many parts of the world to take the communion in your palms and put in your mouth, even in the Vatican city. No matter how expert a priest might be, in every 30 communions dispensed through tongue he may have mistakenly touched the saliva of a faithful which he inadvertently passes on to the next person; This error most times come from the person receiving the communion and not the priest. Do you think any disease from that saliva is automatically annulled by that communion ? The BODY and BLOOD of our LORD performs a lot of miracle in our lives but he also gave us some intelligence by creating God fearing scientists.
    It might sound SACRILEGIOUS to mention this in Nigeria, and the CATHOLIC church is the same with its Head in the VATICAN CITY.
  • Chukwu Jonathan It is not advisable at all for now please!!! ; and more vigorous publicity should be made to educating people on the did and don'ts about this disease. We don't need to tempt God nor nature . It is a communicable deadly disease without proper vaccine at the moment , so total caution should be made to avoid rapid spread of the virus in the name of Church !! It's a pity that lots of people have not fully seen or understood the catastrophic nature of Ebola Disease, Although with God we shall always over come like other historical diseases that came some years back ..
  • Gift Precious Wat u shuld hav in mind is dat, this is endtime so many tins ar happening, first it was Athrax after den sars, bird flu, lassa fever nw is Ebola virus another one wil stil comeout after dis one, we ar in world, all we need nw is get close to God.

Tuesday, August 5, 2014

OLIO DI PALMA? Meno rischioso del burro e degli oli di semi in cottura, ma…

OLIO DI PALMA? Meno rischioso del burro e degli oli di semi in cottura, ma…

Frutti tagliati di palma da olio (con nocciolo o palmisti) ECCOLO, IL PRIMO DEI MISTERIOSI “GRASSI VEGETALI”.  L’olio di palma, a lungo secondo dopo l’olio di soia, è diventato il grasso più usato al Mondo, non solo in alimentazione. E finalmente è citato sulle etichette. Ma leggere le etichette non basta per capire: consumatori e anche nutrizionisti dovrebbero informarsi-informare sulle vere caratteristiche degli alimenti, a cominciare dai reali componenti nutrizionali. Fatto sta che da quando io stesso misi in guardia nel mio manuale Alimentazione Naturale dalle etichette che usano la rassicurante definizione di “grassi vegetali” per nascondere l’olio di palma (e talvolta anche l’olio di cocco), ritenuti a rischio cardiovascolare perché ricchi di acidi grassi saturi, i tempi sono cambiati. Oggi si sta esagerando in senso contrario: contro l’olio di palma è in atto una vera e propria rozza campagna di disinformazione basata su falsità grossolane (“fa male”, “è cancerogeno”), senza tener conto dei dati nutrizionali che lo rendono nella cottura migliore del burro e degli oli di semi. Una campagna che non ha nulla di scientifico, cioè di “vero”, che tende solo a boicottare questo grasso presente in molti alimenti industriali (biscotti e prodotti da forno, pasticceria, patatine fritte, glasse, creme di cioccolato spalmabili, salse, margarine, dadi per brodo ecc.). Oli e grassi ricchi di a.g. saturi (NV 2012)
PARLIAMO NOI CHE PER SECOLI ABBIAMO FRITTO CON LO STRUTTO? E’ un atteggiamento, anche per un naturista, eccessivo sul piano nutrizionale, e illogico sul piano storico, visto che anche noi Italiani, nonostante la tanto strombazzata “civiltà dell’olivo”, abbiamo usato per molti secoli, dalle origini fino al 1960, come principali grassi di cottura soprattutto lardo e strutto.
L’olio di palma non è certo un grasso d’uso casalingo, almeno in Europa, ma solo industriale e commerciale (industria alimentare, ristoranti, friggitorie, mense). Non ha fatto mai parte della nostra cultura antropologica, né in questo articolo-monografia si esorta a consumarlo. Se qui se ne parla è solo per ristabilire la verità e chiarire le idee dal punto di vista scientifico (così che il “ripasso” sarà utile per capirne di più anche degli altri oli e grassi), perché la campagna di disinformazione in atto confonde le idee ai meno colti in fatto di alimenti – la stragrande maggioranza – e anche perché arrivano allarmate richieste di pareri da parte di lettori naturisti che se lo ritrovano sui banconi dei supermercati “bio” o botteghe del Naturale nelle etichette più insospettabili.
Olio di palma grezzo solidoUN GRASSO PER L’INDUSTRIA. Allora diciamo che in questo ambito, cioè usato nel cibo industriale o tecnologico o “artificiale”, da cui noi naturisti dobbiamo essere solo sfiorati, l’olio di palma ha una sua funzione, che non va criminalizzata. Soprattutto perché  ha una composizione chimica sorprendente che ne fa un grasso più protettivo o meno rischioso del burro nelle cotture, soprattutto se l’olio usato è allo stato grezzo e solido (“red palm oil”). Chi lo osteggia su internet dovrebbe a maggior ragione boicottare il burro, che come si vede nella tabella ordinata in ordine crescente di acidi grassi saturi, cioè a rischio, e in ordine decrescente di acidi grassi insaturi, cioè “protettivi”, ha parametri nettamente inferiori nelle due classi di acidi grassi protettivi mono e polinsaturi, e privilegiare addirittura il lardo, che – dispiace a noi vegetariani – grazie alla nuova dieta “salutista” imposta ai suini, ha la bellezza del 66% di acidi grassi protettivi e solo il 33% di saturi, neanche tutti dannosi.
Noi, ovviamente, siamo contro i prodotti alimentari industriali. Ma se i contestatori dell’olio di palma mangiassero meno golosità industriali, meno creme spalmabili al cioccolato, meno fritture in rosticceria, meno cibi pronti da bar o tavola calda, meno biscotti, meno preparati per brodo, ci sarebbe meno domanda industriale di olio di palma. Ma se si ostinano a richiedere i prodotti industriali (compresi molti pseudo-salutisti, vegetariani e bio-fans amanti di Nutella, creme spalmabili, gelati, patatine, salatini, dolci, cioccolatini ripieni, crackers ecc.), visto che sono incapaci di smettere dovrebbero almeno porsi il problema dell’alternativa. Cioè, quale grasso che non sia di palma può resistere alle difficili condizioni ambientali della cottura industriale e della produzione a caldo,dell’ossidazione dovuta a immagazzinamento, calore prolungato (sole, luce battente), e a conservazione all’aria in scatole non a perfetta tenuta – come dadi per brodo, biscotti ecc. – per  lunghi mesi a contatto con luce e temperatura ambiente? Forse preferiscono in alternativa lo strutto o il lardo? Se sono vegetariani o naturisti, no di certo.
E GLI OLI GENUINI E “SALUTISTICI”? E’ peggiore, se possibile, visto quanto costano agli ingenui acquirenti salutisti, la situazione dei sani – ma solo all’origine – oli vergini di oliva, girasole, mais, cartamo, vinacciolo, sesamo, noce ecc. (se “di spremitura a freddo”) venduti in bottiglie trasparenti o alle alte temperature di erboristerie (gli erboristi devono essere freddolosi…), negozi bio (un po’ più freschi, specie i supermercati NaturaSì, i meglio controllati termicamente) e supermercati, comunque fuori della “catena del fresco”, e nelle case sempre lasciati al caldo della cucina e a contatto con aria e luce (oliera), quindi predisposti alla rapidissima ossidazione e  alla produzione nel nostro organismo di pericolosi radicali liberi, in quanto sono i grassi più instabili e delicati. Nella maggior parte dei cibi industriali questi oli, straricchi di acidi grassi mono e polinsaturi, quindi rapidamente deteriorabili, in quelle difficili condizioni si irrancidirebbero nel giro di ore-giorni-settimane, nonostante i sitosteroli protettivi, producendo perossidi, cioè radicali liberi, e poi idrocarburi, aldeidi e acidi tossici e di sapore sgradevole. A meno di non aggiungere i soliti additivi antiossidanti industriali (tipo BHT, butil-idrossitoluolo e BHA, butil-idrossianisolo), che si usano anche quando nelle torte pronte o nei panettoni c’è il delicatissimo burro.
MALE MINORE, PERCHE’ “INOSSIDABILE”. E allora? In questi casi (produzione industriale, magazzini, trasporto ecc.) non resta come male minore che l’olio di palma, stabile alla frittura, ad ogni genere di cottura e alla perossidazione lipidica da ossigeno-luce-calore, e anche il più economico. Così inossidabile che, anche se può sembrare incredibile, un orcio di terracotta con tracce di olio di palma è stato trovato da archeologi ad Abydos in una tomba egizia di 5000 anni fa, (FRIEDEL MCComptes rendus. On fatty materials found in Egyptian tomb in Abydos. vol. 24,648,1987). Olio che, volendo, può essere anche acquistato nella forma grezza e solida, utile nelle creme che non si devono sciogliere ma rimanere pastose.
Olio di palma grezzo e puro (in commercio)CIFRE E COMPOSTI SORPRENDENTI. E sul piano puramente nutrizionale? Non è terribile come lo dipingono. L’olio di palma ha un rapporto saturi/insaturi inferiore a 1 (0.9). Accanto al 47% di a.g.saturi (tanti, certo) ha ben il 51.5% di a.g. insaturi protettivi, cioè circa il 39% di monoinsaturi (acido oleico, tipico dell'olio di oliva, che però ne ha il 70%) e il 12% di polinsaturi, soprattutto linoleico. Tanti, anzi ancora di più, questi protettivi, ma nessuno lo dice. Ben il 51.5% di grassi protettivi – che il burro si sogna (solo 26.5%), ma che lardo e strutto addirittura superano (oltre alla minore percentuale di a.g. saturi), e infatti sono i primi in classifica nella tabella – è davvero un valore che parla da sé a difesa dell’olio di palma e che smentisce tutte le campagne di boicottaggio.
E CI SONO PERFINO I GRASSI SATURI “BUONI”! E poi non basta dire “grassi saturi”: non siamo più negli ignoranti anni Cinquanta. Ci sono i saturi pessimi, quelli mediocri e quelli addirittura buoni, cioè protettivi. Insomma, non tutti gli acidi grassi saturi sono uguali. Vero è che l’abbondante acido palmitico (43-47%) dell’olio di palma è il suo vero limite nutrizionale, perché è un acido a catena lunga che isolato e dato ai topi ha mostrato in studi sperimentali di laboratorio un più alto rischio aterogenico e ipercolesterolemico e perciò cardiovascolare. Il burro, invece, ha solo il 21.6% di palmitico, e ha gli acidi laurico e miristico, saturi sì ma a catena media, quindi neutri rispetto al rischio detto, più l’acido butirrico, a catena corta, che pur essendo saturo è addiritturaprotettivo (è il medesimo che si forma per fermentazione delle fibre nel colon). Ma il burro, non dimentichiamolo, ha pur sempre solo la metà dei protettivi a.g. monoinsaturi dell’olio di palma.
Quando invece diamo all’uomo, non ai topi, non l’acido palmitico isolato ma l’olio di palma intero, a dimostrazione che ogni alimento naturale e integrale è un complesso bilanciato, non si verifica alcunché di negativo. Innanzitutto, l'olio di palma, come tutti i grassi vegetali, è privo dicolesterolo, a differenza di burro e lardo. E il più alto colesterolo nel sangue che l’acido palmitico dovrebbe favorire ? La ricerca biologica più accreditata ormai è orientata nel senso che l’olio di palma si comporta all’atto pratico in modo neutro o addirittura favorevole verso i parametri lipidici, cioè non aumenta, anzi, spesso riduce sia il colesterolo totale, sia le pericolose LDL; mentre non innalza i trigliceridi. Quindi un’azione del tutto neutra, se non positiva.
STUDI. Nel classico studio di Sundram e Hornstra (in doppio cieco e crossover), in 38 volontari maschi la sostituzione del 70% dei grassi animali e oli idrogenati di una tipica “dieta olandese” con olio di palma, che è privo di colesterolo e acidi trans-saturi, non ha modificato il colesterolo totale nel sangue, ma ha aumentato dell’11% le HDL protettive, diminuito dell’8% le dannose LDL, aumentato del 4% le apolipoproteine A1 (legate alle HDL) e diminuito del 4% le apolipoproteine B (LDL). Tutti miglioramenti modesti ma significativi, che provano che quando l’olio di palma sostituisce la maggior parte dei grassi animali o trans-saturi in una dieta, non apporta nuovi rischi ma anzi può addirittura ridurre il rischio cardiovascolare (SUNDRAM K, HORNSTRA G, HOUWELINGEN AC, KESTER ADM. Replacement of dietary fat with palm oil: effect on human serum lipids, lipoproteins and apolipoproteins. Br J Nutr 1992, 68, 671-692).
In un esperimento su volontari della Malesia con diete alternate a base di oli di cocco, palma e mais, mentre l’olio di cocco alzava il colesterolo totale del 10%, l’olio di palma riduceva tutti i valori: colesterolo totale -19% (mais -36%), LDL -20% (mais -42%), HDL -20 (mais -26%). Il rapporto LDL/HDL non era modificato dal cocco, ma era abbassato dalla palma (-8%) e ovviamente ancor più dal mais (-25%). I trigliceridi nel sangue non erano modificati dalla palma, ma ridotti dal mais (NG TK, HASSAN K, LIM JB, LYE MS, ISHAK R. Nonhypercholesterolemic effects of a palm-oil diet in Malaysian volunteers. Am J Clin Nutr 1991,53,4,1015S-1020S). Quindi anche qui un comportamento da neutro a favorevole, e comunque non negativo.
IDEALE PER LE FRITTURE PROLUNGATE, MEGLIO DI OLI DI SEMI E BURRO.Altro che grasso del diavolo! Se non è raffinato ed è consumato al naturale, cioè grezzo, rischia di diventare il grasso degli angeli! E perfino raffinato si comporta in modo neutro rispetto ai principali rischi. Sul piano puramente nutrizionale o protettivo, dunque, l’olio di palma naturale nelle fritture prolungate, artigianali o industriali, è preferibile agli oli di semi e al burro. Burro che – a parte il colesterolo (250 mg/100g), del tutto irrilevante però nei consumi minimi casalinghi – possiede a crudo buone qualità organolettiche, ed è per di più di antica tradizione nella nostra cultura che è di origine pastorale; ma che oggi è usato troppo e male in Europa e nel Nord Italia. Andrebbe consumato (e solo qualche ricciolo) a crudo, di tanto in tanto, meglio se su una fetta di vero pane integrale scuro e aromatico, perché in frittura e cottura si degrada molto diventando pericolosissimo produttore di radicali liberi.  Ma avranno la coerenza i boicottatori dell’olio di palma di boicottare il burro cotto e mezza gastronomia del Nord Italia e del Nord del Mondo?
INCOERENZA. Ecco, perché la nuova  “campagna allarmistica” di Internet contro l’olio di palma è strumentale, sbagliata e diseducativa. Primo, perché dice il falso sulle caratteristiche nutrizionali e spande allarme terroristico, in secondo luogo perché mischia politica e scienza, poi perché tende ad attribuire i rischi solo ad alcuni grassi in quanto tali, e non al modo in cui tutti i grassi – anche l’olio extravergine di oliva – sono lavorati dai produttori, commercializzati, conservati in magazzini e in casa, e infine trattati in cucina e nei ristoranti. E ancora perché tutto questo allarme fa capire erroneamente ai meno esperti che i cibi industriali nei quali è usato l’olio di palma sono importanti, essenziali. No, al contrario, sono cibi tipicamente  artificiali di cui si può, si deve, benissimo fare a meno.
Insomma, se i cittadini nonostante gli avvertimenti si ostinano a mangiare fritture, a cuocere sempre con grassi, a consumare e acquistare dadi per brodo, creme di cioccolato spalmabili, patatine, biscotti, salse, margarine, torte, pasticcini e cornetti da bar, tanto peggio per loro. Ma non ci vengano a raccontare gli ideatori di campagne di boicottaggio o gli pseudo-esperti del web (compresi alcuni “medici” o “nutrizionisti”) che quei cibi fanno male “perché hanno l’olio di palma”! La Nutella non fa male per l’olio di palma, ma per il troppo zucchero e i troppi grassi che sostituiscono alimenti protettivi o ricchi di fibre. Piuttosto, se gli allarmisti tengono tanto alla salute, perché non fanno una campagna contro lo zucchero, i dolci, le creme spalmabili e le bevande zuccherate? Perché non boicottano la pericolosa frittura (dannosa anche quando è fatta col migliore olio extravergine di oliva), o l’uso del burro cotto per salse, condimenti, carni, uova e dolci? Perché non gli conviene: sono golosi. Quindi non la faranno mai.
Olio di palma raffinato e frutti con semi visibili COME ROVINARE UN GRASSO DISCRETO.Sul piano produttivo, legislativo e commerciale, invece, i problemi ci sono, eccome. Innanzitutto  l’olio di palma assume in commercio gli aspetti e le forme più diverse, tanto da disorientare noi Europei: grezzo, rosso e pastoso in barattoli, più di rado solido e giallo in panetti biancastri come il burro (attenzione che non sia idrogenato: è molto usato come margarina), semifluido e rossiccio allo stato naturale (“Pure Crude Palm Oil”). ma più di frequente in Europa in contenitori di liquido giallo e fluido come un qualunque olio di semi (“olio di palma frazionato”, “Superoleine”) destinato alle friggitorie e ai ristoranti.
E’ il tipico, chiarissimo, “olio di palma bifrazionato” e raffinato (v. immagine accanto), usato in tutti i ristoranti e rosticcerie, anche in Italia, che ha una composizione nutrizionale in teoria accettabile, con grassi saturi ridotti: 37% di a.g. saturi, 41.1 di a.g. monoinsaturi, 13.5 di a.g. polinsaturi. Peccato che per questo sia stato sottoposto a raffinazione chimica frazionata, con un procedimento altamente tecnologico che lo priva – proprio come accade a tutti gli oli di semi, ma non all’olio extravergine di oliva – delle sue vitamine e dei suoi preziosi antiossidanti. Vitamine, beta-carotene, altri carotenoidi e polifenoli vari, oltre al particolare aroma (alcuni dicono di violetta), che invece permangono nell’olio di palma naturale, spesso solido e pastoso.
Così, quello che era in origine allo stato naturale un grasso tutto sommato buono o discreto e ricco di antiossidanti, viene uniformato, banalizzato e spersonalizzato in modo da somigliare a un qualsiasi oliaccio industriale. Ma, ripetiamo, non è un difetto dell’olio di palma, quanto della tecnologia esasperata che lo ha trasformato e reso artificiale, comune a tutti gli oli di semi industriali. Così, alcuni naturisti americani hanno preso l’abitudine di andare a cercarsi sul mercato web il “red palm oil”, l’olio di palma rosso e naturale (v. immagini: sfuso in una tazza e in un barattolo in commercio), ricco di proprietà antiossidanti e protettive che insieme con i tanti acidi insaturi potrebbero bilanciare  nel nostro corpo l’eccesso di acido palmitico.
ANTIOSSIDANTI. L’olio di palma grezzo, cioè non raffinato, contiene infatti una grande quantità di antiossidanti, molto più della carota: circa 30.000 mcg di beta-carotene (responsabile del colore rossiccio), 24.000 mcg di alfa-carotene e 33.10 mg/100 g di vitamina E alfa-tocoferolo. Oltre a coenzima ubiquinone Q10, squalene ecc. Un peccato che la raffinazione distrugga tutta questa ricchezza, solo per permettere alle friggitorie e ai ristoranti popolari di tutto il Mondo di cuocere cibi orribili e insani a poco prezzo! Il burro è dotato di quantità decisamente minori di antiossidanti: retinolo 906 mcg, beta-carotene 146 mcg, vitamina E alfa-tocoferolo 2.40 mg (IEO, Inran).
NORME SEMPRE FAVOREVOLI AI PRODUTTORI. Inoltre le norme non sono chiare. I produttori ne approfittano, indisturbati, per mescolare spesso all'olio di palma l’olio di palmisti, cioè l’olio del seme del frutto della palma, che è un grasso completamente diverso per composizione, aspetto (è bianco, non avendo i carotenoidi) e gusto, e assomiglia molto all’olio di cocco. Nella tabella in alto l’olio di palmisti ha l’82% di acidi grassi saturi, un’enormità, e appena il 15% di monoinsaturi. Dovremmo ottenere leggi internazionali che vietino ai produttori di mescolare due grassi così diversi, palma e palmisti, senza denunciarlo in etichetta, specificando anche il contenuto percentuale in acidi grassi della miscela. Per fortuna nella sfortuna, però, gli a.g. saturi dell’olio di palmisti pur essendo sovrabbondanti sono migliori qualitativamente di quelli dell’olio di palma: costituiti da poco acido palmitico, un a.g. a catena lunga, ad alto rischio (6.5-9%), e invece per lo più da a.g. saturi a catena media come il laurico (47-51.5%) e il miristico (15.5-17%) che sono piuttosto neutri, cioè non provocano danni ateromasici e ipercolesterolemici nell’organismo.
Insomma, è bene far entrare in testa ai consumatori e ai salutisti che la natura dei grassi è complessa, e anche la natura dell’intera “alimentazione naturale”. E’ sbagliato dire “grassi saturi” in generale per dire il peggio da criminalizzare. Bisogna vedere i dettagli, cioè le quantità in cui i diversi acidi grassi saturi sono presenti in ciascun grasso (di palma, di palmisti, di cocco, lardo, strutto e burro). Negli a.g. saturi bisogna distinguere tra a.g. saturi a catena corta (protettivi), a.g. a catena media (neutri), a.g. a catena lunga, dannosi. E poi, a che serve usare in alternativa preziosissimi oli extra-vergini di prima spremitura a freddo (tanto più che se ne possono consumare pochi grammi al giorno), quando sono ossidati da calore, luce e ossigeno? Anzi, diventano produttori di radicali liberi più dei grassi saturi!
MORALE DELLA FAVOLA. Come si è visto, lo slalom tra le varie scoperte della Scienza sui grassi è così sorprendente ed entusiasmante che fa pensare ad un racconto poliziesco o a un campionato di football in cui le squadre si alternano continuamente nel vantaggio e all’ultimo vincono ai rigori… Alla fine, il bilancio teorico dell’olio di palma è sostanzialmente neutro o leggermente positivo, non certo allarmante:buono, se non ottimo, allo stato grezzo; mediocre, cattivo o pessimo, allo stato raffinato. Comunque per la cottura ad alta temperatura (frittura), specialmente se è grezzo, l’olio di palma è preferibile come parametri addirittura al burro e agli oli di semi, che si degradano facilmente al calore.
Perciò ogni boicottaggio è ingiustificato sul piano nutrizionale. E poi tutti coloro che scrivono blog di cucina pieni di dolci e fritture, in cui ogni ricetta salata inizia col rituale “lasciate soffriggere mezza cipolla in un tegamino d’olio”, e perfino le ricette (modernissime) delle “sane torte della nonna” vogliono 200 g di burro; e quelli che consumano merendine e fritture, dadi o brodi pronti, creme e salse; quelli che fanno colazione al bar col croissant; quelli che sgranocchiano salatini davanti alla tv o spalmano Nutella vera o alternativa sul pane (bianco, per giunta, ma tanto, a quel punto…), dovrebbero tacere, perché incoerenti o perché l’olio di palma (e palmisti) lo assumono ogni giorno senza saperlo attraverso i loro golosi cibi industriali. Altro che permettersi di fare campagne nutrizionali contro l’olio di palma!
IL NOSTRO CONSIGLIO: OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVA, MA… Non criminalizzare nulla di ciò che è naturale e lungamente sperimentato dall’Uomo. Noi, da parte nostra, essendo naturisti, continuiamo a consigliare di consumare per il (tanto) cibo crudo e per il (poco) cibo cotto che ci sono necessari ogni giorno quantità misurate di ottimo olio extra-vergine di oliva. Però trattandolo bene, cioè assicurandoci non tanto che sia biologico o no, piuttosto che produttori e commercianti l’abbiano prodotto a bassa temperatura e conservato al buio e in catena del fresco, che sia non in oliera ma in bottiglia scura o coperta di alluminio, chiusa non col sughero ma col tappo a vite sempre ben serrato, conservato in cantina o in analogo ambiente fresco e buio, non in cucina… Queste sono le condizioni davvero importanti. Altrimenti – nelle piccole quantità consentite per i grassi di condimento (il consiglio empirico per una persona normale sana ma sedentaria è di non superare i 2 cucchiai da minestra a pasto di olio crudo; ma per molti soggetti sovrappeso anche meno) – andrebbe bene tutto, perfino gli oli di semi raffinati e l’olio di palma.
Tutti gli altri grassi della Tradizione (lardo, strutto e burro, quest’ultimo rigorosamente solo crudo) possono essere usati soltanto di tanto in tanto o eccezionalmente, se si vuole. O anche mai (naturisti stretti, vegan): non sono certo necessari. E per i non vegetariani o non naturisti? “Orribile a dirsi”, lardo e strutto sono molto meglio del burro nella cottura: le cifre della tabella parlano chiaro. E anche gli oli di semi non raffinati, certo, vanno usati (peccato gli altissimi prezzi…) purché non abbiano mai lasciato la “catena del fresco”, condizione rarissima. E anche i migliori oli di semi nella frittura si decompongono facilmente e producono radicali liberi, tanto da essere ben più rischiosi dell’olio di palma. Ma non gridiamo allo scandalo se nei cibi industriali o degli esercizi pubblici (fritture, biscotti, creme spalmabili, grissini, margarina, dadi per brodo ecc.) c’è l’olio di palma (purtroppo raffinato, questo piuttosto lo scandalo). Perché per il consumatore eccezionale non sono affatto un rischio quei pochi grammi una volta all’anno! E’, semmai, il complesso dei cibi artificiali e industriali ad essere alla lunga rischioso, anche senza olio di palma, se condiziona la nostra dieta abituale. E perciò dobbiamo consumarli molto di rado gli alimenti industriali. E, anzi, chi grida troppo fa sospettare che abbia intenzione di mangiarli spesso…
ECOLOGIA E POLITICA. Diverso il discorso ecologico. La vera motivazione della campagna anti-palma dovrebbe essere ambientale, mentre in realtà è politica. E’ vero che la dissennata deforestazione per impiantare sempre nuove coltivazioni di palma da olio sta distruggendo l’ambiente originario e le foreste dell’Asia, più amate dagli Occidentali che dagli Orientali, tanto che i rari oranghi sono in via di sparizione. Ma la colpa non è del “capitalismo”, che è solo un mezzo che bisogna usare bene, ma piuttosto dei Governi corrotti del Sud del Mondo e delle popolazioni locali ottuse che acconsentono in cambio di apparenti vantaggi. Chi protesta non ha studiato la Storia dell’agricoltura e dell’alimentazione, altrimenti saprebbe che lo stesso è avvenuto con ogni coltura intensiva. In Italia la vite e l’olivo (dal X-VII secolo a.C.), il granoturco (mais), il riso e l’arancio dal 1500 in poi, hanno distrutto il tipico paesaggio della Penisola, descritto dagli Antichi come una immensa e per loro paurosa distesa di foreste, uno dei luoghi più verdi e affascinanti del Mondo, trasformandolo in banali colline, in piatte distese con monotone monoculture senza bio-diversità. Il Chianti, la Sabina, la Puglia, le piane della Sicilia, l’intera val Padana lo dimostrano: tutte deforestate. E se a Sumatra, in Indonesia, gli oranghi sono a rischio per l’estendersi delle coltivazioni e per la caccia, anche in Italia sparirono l’orso e la lince per le medesime ragioni (delittuose). E, anzi, oggi ci siamo talmente abituati a questo paesaggio artificiale da considerarlo “bello”, “tipico”, “tradizionale”. Coerenza vorrebbe, però, che chi si straccia le vesti contro il “capitalismo dell’olio di palma” estendesse la sua critica a tutte le monocolture, anche in casa propria, anche contro i vigneti del Chianti o dell’Astigiano, o degli oliveti dalla Liguria alla Puglia, che a mio parere sono ancora meno belli (e c’entrano ancor meno con l’ambiente) dei palmeti intensivi della Malesia.
Troppo comodo fare i “saggi” in casa d’altri e a pancia piena, quando si è diventati ricchi e sapienti (ecologicamente) proprio grazie ai soldi venuti da oltre 150 anni di distruzione del Paesaggio e della Natura in Europa e Nord America! Dare da mangiare a tutti e a poco prezzo, anche ai Paesi poveri che (“effetto copia”) desiderano come noi il consumismo del cibo industriale, le bevande dolci e il grasso economico da frittura, ha un costo altissimo: aree sempre più estese di Natura vergine. E infatti quei Paesi poveri ma consumisti ora conoscono anche l’obesità, accanto alle altre malattie. Anzi, come per le critiche all’inquinamento “vecchio stile”  che producono, quelle popolazioni giudicano “paternalismo” ipocrita i nostri avvertimenti che quel modo di mangiare opulento che noi abbiamo inventato è superato e fa male. Loro vogliono imitarci, ripercorrendo senza saggezza in pochi anni tutta la nostra parabola, compresi gli errori. Ecco perché non serve all’ipocrita difesa dell’ambiente “in casa d’altri” (mentre noi occidentali non siamo capaci neanche di realizzarla appieno in casa nostra), dire stupidaggini e falsità nutrizionali sull’olio di palma.
IMMAGINI1. Frutti di palma da olio tagliati in modo da mostrare sia la polpa, intensamente colorata perché ricca di carotenoidi e polifenoli antiossidanti, sia il bianco nocciolo (palmisti o palmisto) che invece ne è privo. Ma le due parti sono ben diverse anche nella composizione in acidi grassi. 2. Ciotola con grasso di palma allo stato solido e grezzo, ricchissimo di carotenoidi e vitamina E tocoferolo-tocotrienolo. 3. Tabella di confronto nutrizionale tra i grassi più ricchi di a.g. saturi. 4. “All Natural Pure Palm Oil” si legge sull’etichetta. Non è salsa di pomodoro: il colore intenso tradisce l’altissima percentuale di antiossidanti e vitamine. 5. Ecco com’è ridotto da successive raffinazioni, decolorazioni e “frazionamenti” l’olio grezzo, per poterlo rifilare a industrie alimentari, friggitorie e ristoranti.




Il massaggio Shiatsu che si effettua tramite la pressione delle dita, dei palmi delle mani e dei piedi e dei gomiti su tutto il corpo, agisce sui punti energetici considerati dall'agopuntura. Stimola la circolazione sanguigna ed il flusso linfatico, agisce sul sistema nervoso allentando la tensione muscolare più profonda, rimuove le tossine dei tessuti, risveglia il sistema ormonale e sollecita la capacità di autoguarigione del corpo.


Live Traffic Feed