Sunday, September 14, 2008

CACCIA AL NEGRO MILANESE..... UN MORTO

Milano, giovane nero ucciso a sprangate. Pd: clima di razzismo

Reuters - da 1 ora 55 minuti

MILANO (Reuters) - Un ragazzo originario del Burkina Faso ma cittadino italiano è morto oggi in conseguenza di un'aggressione alla periferia di Milano, in un episodio che gli esponenti del centro-sinistra hanno definito di razzismo, frutto di politiche xenofobe.

Per il fatto sono state fermate due persone, padre e figlio, di 51 e 31 anni, originari di Legnano, in Lombardia, con l'accusa di concorso in omicidio volontario.

L'aggressione è avvenuta intorno alle 6 di stamani nella zona nord di Milano, poco lontano dalla stazione centrale, quando il giovane di 19 anni, Abdul Salam G., insieme ad altri due amici -- un ruandese e un italiano -- è stato accusato da due uomini a bordo di un furgone-chiosco di aver rubato della merce, secondo quanto riferito dalla polizia.

Ne è nato un diverbio, trasformatosi poi in aggressione quando i due uomini sono scesi dal camioncino con una spranga di ferro e una di legno.

Il più giovane -- secondo quanto riferito alla polizia dagli altri due ragazzi che sono riusciti a fuggire -- si sarebbe poi avventato su Abdul Salam, fracassandogli il cranio con la spranga di ferro.

Il giovane è stato portato all'ospedale Fatebenefratelli in coma, dove è stato dichiarato morto intorno alle 13:30.

La polizia ha fermato nel pomeriggio i due presunti colpevoli, che hanno spiegato che i tre ragazzi avevano sottratto loro alcuni pacchetti di caramelle. Nel timore che avessero rubato anche l'incasso, li hanno seguiti. I due, ha aggiunto la polizia, hanno spiegato che i tre giovani avevano con sè un bastone di legno.

CONDANNA DA PARTE DEL SINDACO MORATTI

"Milano condanna fermamente questi episodi di intolleranza e razzismo", ha detto in una nota il sindaco Letizia Moratti, del Pdl. "Questo genere di comportamenti e atti di tale crudeltà non appartengono ai milanesi e alla nostra comunità, per storia e vocazione aperta invece alla tolleranza, alla accoglienza e alla convivenza civile".

"Davanti al dolore della famiglia e degli amici di questa giovane vittima rinnoviamo il nostro impegno a non abbassare la guardia per isolare sempre e comunque ogni forma di violenza".

Secondo Marco Minniti, ministro dell'Interno del governo ombra del Partito democratico, "la natura e i contorni dell'episodio sono estremamente preoccupanti".

Dello stesso parere Piero Fassino, secondo cui devono riflettere quelli che "ogni giorno alimentano un'isterica fobia contro gli immigrati (...) creando così un clima di intolleranza e di odio in cui ogni orrore può accadere".

Più esplicito il segretario nazionale di Rifondazione comunista, che accusa la Lega nord al governo di "campagne xenofobe e razziste" .

"Fatti terribili come questi sono, temo, anche il frutto di un clima avvelenato costruito da forze politiche come la Lega, che additano gli immigrati a fonte di tutti i mali", ha spiegato Ferrero in una nota.

Il ministro dell'Interno Roberto Maroni, esponente della Lega, ha fatto approvare nei mesi scorsi nuove norme sulla sicurezza -- tra cui un disegno di legge ora al vaglio del Parlamento -- per dare un giro di vite all'immigrazione clandestina.

http://it.notizie.yahoo.com/rtrs/20080914/tts-milano-aggressione-ca02f96.html

3 comments:

DIASPORA AFRICANA said...

I MILANESI HANNO CAPITO BENE "LA TOLLERANZA ZERO";SLOGAN DEL GOVERNO, E STA FRUTTANDO MOLTO BENE

noalgore said...

A proposito di razzismo serpeggiante e le sue insospettabili connessioni col movimento ambientalista italiano.
Il razzismo viene da lontano ed è stato traghettato nel mondo moderno dai seguaci dell’ambientalismo radicale. Ecco come.
Alessandro Ghigi (1875-1970) è considerato il padre dell'ecologismo italiano. Il presidente onorario del Wwf Fulco Pratesi ha definito Ghigi come "l'antesignano di ogni organizzazione della natura nel nostro paese". Si tratta perciò di un padre dell'ideologia ambientalistica italiana. Pochi sanno però che Alessandro Ghigi è stato anche un razzista caparbio, vicepresidente della Società Italiana di Genetica ed Eugenetica (SIGE), che ha partecipato ai congressi internazionali delle società eugenetiche, che ha scritto libri disprezzando ebrei, neri ed altre etnie, che ha firmato il Manifesto della Razza del fascismo nel 1938 con cui ebbe inizio la discriminazione degli ebrei in Italia. Basta scavare un po' dietro la facciata rispettabile di Ghigi per trovare notizie inquietanti, talvolta rimosse dalle biografie ufficiali. Nel suo libro "Problemi biologici della razza e del meticciato" (Zanichelli, Bologna, 1939), Ghigi descrive il tema delle degenerazioni causato dall'incrocio con razze nere che sarebbero "evolutivamente inferiori e geneticamente incompatibili". Nel 1959, dopo alcune esperienze di carattere locale, Ghigi diede vita alla Federazione Nazionale Pro Natura. Nella Carta di Forlì (1973-1981) Pro Natura precisa tutti i fondamenti di quello che negli anni che seguirono è stato il programma di tutte le associazioni ambientalistiche italiane. In pratica vi si sostiene che un aumento dei livelli di vita (soprattutto nei paesi poveri) è da evitare perchè danneggia la natura.
Approfondimenti nel mio blog
Ambientalismo di Razza

Anonymous said...

E TERRIBILE........

VENITE NUMEROSI ALLA MANIFESTAZIONE DEL 4 OTTOBRE 2008 A ROMA CONTRO TUTTI I TIPI DI RAZZISMI.


-----------------------------
Gemma Ukunda Shema
Associazione Donne Africa Subsahariana (ADAS)
Rome, Italy

COMMENTS

SHAITSU

SHAITSU
Il massaggio Shiatsu che si effettua tramite la pressione delle dita, dei palmi delle mani e dei piedi e dei gomiti su tutto il corpo, agisce sui punti energetici considerati dall'agopuntura. Stimola la circolazione sanguigna ed il flusso linfatico, agisce sul sistema nervoso allentando la tensione muscolare più profonda, rimuove le tossine dei tessuti, risveglia il sistema ormonale e sollecita la capacità di autoguarigione del corpo.

FeedCount

Live Traffic Feed

Followers